• 1.jpg
    • 2.jpg
    • 3.jpg
    • 4.jpg
    • 5.jpg
    • 6.jpg
    • 7.jpg
    • 8.jpg

    I beneficiari SPRAR al Perugia Social Film Festival

    https://www.lmsmusicsupplies.co.uk/viopwe/2782 Nato nel 2014 da un progetto della Fondazione “La Città del Sole” – Onlus, il Perugia Social Film Festival ha l’obiettivo di “raccontare, attraverso il cinema del reale, il mondo del sociale nel suo senso più ampio e nelle articolazioni più varie, con attenzione ai linguaggi innovativi della documentaristica e alla sua capacità di far dialogare generi diversi; nel costante obiettivo di avvicinare un vasto pubblico alle storie e alle tematiche affrontate”. Il Festival si articola in diverse categorie giudicate da una Giuria di critici e una del pubblico. A questo sono poi affiancate due Giurie speciali: quella dei Detenuti e delle Detenute, e quella dei Rifugiati e Richiedenti Asilo rispettivamente delegate per le categorie “Perso Short Jail” e “Umbria in Celluloide”.

    http://boersenalltag.de/blog/post/2010/01/21/wirtschaftswachstum-und-vollbeschaeftigung/index.html SELEZIONE DEI GIURATI E FORMAZIONE

    http://syaden.net/?giniefr=site-rencontre-personnes-mari%D0%93%C2%A9es&f25=13 La prima parte del progetto è stata divisa in due fasi: la selezione dei giurati e la formazione. La Cooperativa Sociale Perusia Onlus ha selezionato i 7 giurati fra i beneficiari del progetto SPRAR sulla base dei seguenti requisiti:

    convict dating site canada - Livello di conoscenza della lingua italiana;

    http://www.der-scherenschleifer.de/pistolet/denew/1462 - Motivazioni, valutate durante degli appositi colloqui individuali;

    opzione binaria significato - Percorso individuale di ogni soggetto;

    opzioni binarie comincio gratis senza deposito In seguito alla valutazione i seguenti beneficiari SPRAR sono stati selezionati come giurati:

    epk partnervermittlung - Mustapha Touray, dal Gambia;

    unterschied binäre optionen und cfd - Elie Bouche, dal Camerun;

    http://a4lions.ca/?iyted=autoopzioni-binarie-come-incassare&9c0=57 - Elizabeth Smith, dalla Nigeria;

    conocer chavas de cuernavaca - Koulibaly Abou Dramane, dal Burkina Faso;

    http://specialolympics.es/?erimeri=el-sistema-de-comercio-internacional&79b=76 - Shikder Khobir, dal Bangladesh;

    - Bile Emmanuel, dal Ghana;

    - Akbar Khan, dall’Afghanistan;

    La seconda fase della prima parte del progetto ha visto poi i due responsabili delle giurie speciali del Festival, Maurizio Giacobbi e Marta Bettoni, somministrare una formazione specifica ai selezionati per prepararli al ruolo di giurati. La formazione, che si è svolta presso il Centro Immigrati di Via del Favarone, ha avuto la durata di 15 ore per un ciclo di 6 incontri da lunedì 11 a venerdì 20 settembre.

    Nel corso di questa fase i beneficiari sono stati formati sulla valutazione tecnica dei diversi elementi che compongono il cinema del reale: storia, personaggi, fotografia, immagini, sonoro, regia, sceneggiatura, recitazione. I seguenti film sono stati visionati e valutati attraverso la compilazione di specifiche schede tecniche di valutazione:

    - Lu tempu de lu pesci spata, di Vittorio De Seta, 1954;

    - Rescue down, Warner Herzog, 2006;

    - La Reina, Manuel Abramovich, 2013;

    - Un silezio particolare, Stefano Rulli, 2004;

    - Spartacus et Cassandra, Ioanis Nuguet, 2015;

    IL FESTIVAL

    Nella settimana del festival, dal 23 settembre al 1 ottobre 2017, la Giuria ha assistito alle proiezioni dei film da valutare nei diversi cinema del centro città (Sant’Angelo, Zenith, Postmodernissimo), con la possibilità di incontrare e scambiare opinioni non solo con il pubblico, i giornalisti e lo staff del Festival ma anche direttamente con i protagonisti dei film, fra i quali registi, attori, produttori, sceneggiatori presenti al Festival. Le occasioni di dialogo, confronto, scambio d’esperienza, semplice convivialità, sono state innumerevoli, e hanno rappresentato una fondamentale opportunità di integrazione e conoscenza tra i richiedenti asilo e rifugiati e il resto della comunità.

    I film visionati e valutati dalla Giuria dei Richiedenti Asilo e Rifugiati nella categoria “Umbria in Celluloide sono stati i seguenti:

    - Wiwanana Iacopo Patierno 75′ Italia;

    - Biografie di lotta Greca Campus e Matteo Saltalippi 43′ Italia;

    - Eventide all’imbrunire/ I tak upynął wieczór i poranek Giovanni Pierangeli 30′ Polonia/ Italia;

    - Pane e Partigiani Federico Ciarabelli 81′ Italia;

    - Bride Chiara Ortolani 4′ UK;

    Il giorno venerdì 29 settembre la Giuria si è riunita in privato e con il supporto di operatori e formatori per discutere, decidere i vincitori e scrivere le motivazioni. Qui di seguito si riportano gli atti della riunione e le motivazioni della Giuria:

    Il giorno 29 settembre 2017, alle ore 18:00, presso il Cinema Postmodernissimo di Perugia, la Giuria dei Richiedenti Asilo e Rifugiati del Perso Film Festival si è riunita per attribuire i premi nella categoria “Umbria in Celluloide”. Tutti i giurati sono presenti, oltre agli operatori Floriana Lenti ed Emmanuel Di Tommaso, e ai responsabili delle Giurie Speciali Marta Bettoni e Maurizio Giacobbe. Con rispettivamente 4 voti su 7 e 3 voti su 7, la Giuria attribuisce il premio come miglior film e la cifra di euro 1000,00 a “Wiwanana”, di Iacopo Patierno, e la menzione speciale a “Pane e Partigiani” di Marino Marini. Queste le motivazioni della Giuria:

    MIGLIOR FILM

    La Giuria dei richiedenti asilo e dei rifugiati, in considerazione dell’importante messaggio che questa opera trasmette alla società e alle coscienze, assegna il premio per il miglior film della sezione Umbria in celluloide a “Wiwanana”, di Iacopo Patierno.

    Attraverso le vive immagini di una rappresentazione teatrale dal forte impatto comunicativo, gli attori coinvolti nel progetto, esprimendo al massimo il proprio talento, riescono a sensibilizzare ed emozionare la collettività sul tema fondamentale del diritto alla salute.

    MEZIONE D’ONORE

    Poiché il film affronta il tema universale della lotta per la libertà attraverso il binomio originale del titolo (il pane, simbolo concreto del nutrimento che ha dato forza ai partigiani nella loro lotta), la Giuria dei richiedenti asilo e dei rifugiati, assegna la menzione speciale per la categoria “Umbria in celluloide” al film “Pane e Partigiani”, di Marino Marini.

    La Giuria sottolinea inoltre il ruolo della donna come soggetto fondamentale nelle lotte di libertà del passato, presente e futuro. Alle donne la Giuria desidera dedicare un applauso del pubblico del Festival qui presente. Grazie.

    LA SERATA DI PREMIAZIONE

    Domenica 1 ottobre 2017, presso il Cinema Postmodernissimo di Perugia dalle ore 17:00, si è svolta la cerimonia di premiazione del PERSO Film Festival 2017. Alla presenza di un numeroso pubblico, i giurati hanno consegnato i premi ai protagonisti dei film vincitori. Anche la Giuria dei Richiedenti Asilo e Rifugiati, nelle persone di Elie Bouche e Elizabeth Smith, (accompagnati dalla Presidente della Cooperativa Bernardetta Gasperi, dall’insegnante d’italiano Floriana Lenti e dall’operatore Emmanuel di Tommaso) sono saliti sul palco per leggere le motivazioni e i verdetti, e consegnare i premi ai registi presenti.

    CONSIDERAZIONI FINALI

    - Il progetto ha rappresentato un’esperienza conoscitiva e di integrazione di alto livello: i beneficiari, attraverso il cinema, hanno riflettuto fra di loro e con l’esterno su tematiche sociali trasversali di grande importanza;

    - Una serie di contatti interessanti sono stati attivati nel corso dell’esperienza, in particolare con le realtà associative del territorio coinvolte nell’organizzazione del festival, e con i protagonisti dei film visionati e valutati;

    - Il progetto è stato anche occasione di miglioramento nella conoscenza della lingua e cultura italiana, priorità assoluta nei progetti SPRAR.

     
     
     
    Facebook banner
    5permille
    Logo Padre Pio Piccolo

     

     

    © 2017 Cooperativa Sociale Perusia Onlus - Tutti i diritti riservati - Developed by NRSTUDIO